30/06/2023 – Lavoro da remoto transfrontaliero: Sottoscritto da parte della Croazia l’Accordo amministrativo che dal 1° luglio 2023 consentirà ai lavoratori frontalieri dipendenti residenti in un paese assoggettato al Regolamento (CE) N. 883/2004 e impiegati in un altro di tali paesi di conservare la legislazione di sicurezza sociale del paese di lavoro, in caso di attività da remoto prestata dal paese di residenza per meno del 50% del proprio orario lavorativo complessivo

30/06/2023 – Con la firma apposta in data odierna dal Direttore Generale di HZMO, Ivan Serdar, la Croazia ha aderito all’Accordo amministrativo che per cinque anni (rinnovabili per altri cinque) a partire dal 1° luglio 2023 consentirà ai lavoratori frontalieri dipendenti residenti nei paesi assoggettati al Regolamento (CE) N. 883/2004 (tra cui l’Italia) e impiegati in un altro di tali paesi, di conservare la legislazione in materia di sicurezza sociale del paese di lavoro, in caso di attività lavorativa prestata da remoto nel paese di residenza per meno del 50% del proprio orario lavorativo. L’Accordo in parola entrerà in vigore il prossimo 1° luglio tra i paesi che l’avranno sottoscritto.

  • Accordo quadro sull’applicazione dell’articolo 16, paragrafo 1, del Regolamento (CE) No. 883/2004 nei casi di telelavoro transfrontaliero abituale, firmato dalla Croazia
    Scarica in formato PDF (in lingua inglese)